La tecnica chirurgica di impianto prevede due interventi chirurgici separati, denominati Step 1 e Step 2, tra i quali intercorre un tempo minimo di 60 giorni per permettere la guarigione delle cicatrici chirurgiche, dei tessuti molli e l’iniziale osteointegrazione dell’impianto endomidollare.

 

  • STEP 1: Vengono incisi cute, sottocute e fascia fino al raggiungimento e all’esposizione del piano osseo. I tessuti molli e la cute ridondanti vengono asportati riducendo la distanza tra l’osso e la cute. I gruppi muscolari vengono riorganizzati per avere una funzione attiva nella mobilità dell’arto che verrà protesizzato. Viene quindi eseguita l’osteotomia come deciso nel planning preoperatorio e vengono rimossi gli speroni ossei. Il canale endomidollare viene sequenzialmente alesato e maschiato su un filo guida sotto controllo ampliscopico. L’impianto viene successivamente avvitato all’interno dell’alloggiamento creato all’interno del canale midollare.  Si procede infine con la sutura dei tessuti molli a copertura del moncone osseo distale eseguendo mioplastica distale.

 

  • STEP 2: Viene eseguita una incisione sulla pregressa cicatrice e vengono repertate le componenti intramidollari impiantate. Successivamente si confeziona una stomia cutanea circolare che viene suturata attorno alla parte distale del moncone e si inserisce la componente protesica di connessione tra l’impianto osteointegrato e la protesi esterna.